segreteria@nicolaghidini.it +39 324 0498510

Eiaculazione Precoce

soffro di eiaculazione precoce? fai il test

banner-eiaculazione-precoce

La soddisfazione sessuale rappresenta un aspetto importante per il benessere e la qualità della vita e l’eiaculazione precoce (EP), pur non essendo una patologia in senso stretto, può rappresentare un problema assai fastidioso per l’uomo e per la coppia.

Secondo la definizione dell’ ISSM (International Society for Sexual Medicine): L’EP è una disfunzione sessuale maschile caratterizzata da un’eiaculazione che si verifica sempre (o quasi sempre) prima, o entro un minuto dalla penetrazione vaginale; oppure rappresenta genericamente l’incapacità di ritardare a piacimento l’eiaculazione in gran parte dei rapporti.
Questa definizione, seppur “scientifica”, non può contemplare tutte le sfumature cliniche dell’eiaculazione precoce che richiedono un approccio terapeutico “su misura”.

L’EP si classifica in

• primaria, se è sempre stata presente, fin dall’inizio dell’attività sessuale
• secondaria, se compare nel corso della vita del paziente dopo un periodo di assoluta normalità.

L’EP può anche essere suddivisa in :
• “ante-portam” se si presenta prima della penetrazione
• “intra-moenia” quando avviene durante la penetrazione.
• “assoluta” se si verifica con qualsiasi partner
• “situazionale” se legata ad un determinato partner

Il controllo eiaculatorio può essere carente non solo in corso di rapporto penetrativo ma anche praticando la masturbazione o il sesso orale.

EP ha una prevalenza che varia dal 2 al 30% e NON si correla con l’età del paziente.

Le cause possono essere:
• Organiche
Ipersensibilità del pene causata da condizioni come frenulo breve, fimosi, prostatite; in casi più rari l’eiaculazione può essere
un segno di malattie della tiroide o malattie neurologiche.

• Psicologiche e Psicosociali
Ansia, prime esperienze sessuali, rapporti sessuali rari, senso di colpa (rapporti extraconiugali), paura di gravidanza indesiderata
e di malattie sessualmente trasmissibili, ansia da prestazione (timore di perdere l’erezione) e vergogna per le dimensioni del pene

Come si tratta l’Eiaculazione Precoce?

La Sessuologia

Per molte coppie l’eiaculazione precoce può rappresentare una causa importante di dissidio e in virtù di questo deve essere offerto un supporto psicosessuologico .

Esistono specifiche strategie psicologiche e comportamentali per migliorare il controllo eiaculatorio, tra cui i programmi “stop-start” di
Semans e la tecnica di “squeeze” di Master e Johnson, per esempio.
(clicca sessuologia)

I Farmaci

• Creme a base di anestetico locale da applicare sul pene (15- 30 minuti prima), profilattici “ritardanti”

• Compresse (gli “inibitori del reuptake della serotonina” – SSRIs) che a seconda dei casi possono essere assunte cronicamente (Paroxetina, Sertralina, Fluoxetina) o al bisogno (Dapoxetina – “Priligy”, che va assunto 1-3 ore prima del rapporto). Gli SSRIs aumentano i livelli si Serotonina, una sostanza naturale che può prolungare il tempo che precede l’eiaculazione, mediante il rallentamento dei circuiti nervosi che sono alla base dell’eiaculazione precoce. Possono avere un ruolo importante anche i farmaci pro-erettivi (gli inibitori delle fosfodiesterasi 5 come Cialis, Levitra e Viagra): il paziente è aiutato a mantenere il pene rigido dopo l’eiaculazione e può proseguire il rapporto per portare anche la partner al piacere.

• La Chirurgia (circoncisione, frenuloplastica): può avere un suo spazio, intervenendo in situazioni come la fimosi e il frenulo breve che possono rappresentare una causa organica di EP.