segreteria@nicolaghidini.it +39 324 0498510

Ecocolordoppler (ECD) scrotale

Nel maschio infertile il riscontro di anormalità a livello scrotale è molto frequente, e quindi l’esame ecografico dello scroto riveste un ruolo fondamentale per identificare patologie potenzialmente responsabili dell’infertilità.

Tra queste ricordiamo principalmente il varicocele, presente nel 15% della popolazione maschile e nel 40% dei maschi infertili, caratterizzata da abnorme dilatazione della vene che avvolgono il testicolo.

Il varicocele interessa pressochè esclusivamente il testicolo sinistro.

La valutazione EcoColorDoppler scrotale del soggetto infertile deve prevedere

  • Volumetria dei testicoli: normalmente 12-25 ml
  • Ecostruttura e vascolarizzazione dei testicoli
  • Eventuale presenza di ectasie (dilatazioni) venose attorno al testicolo
  • Eventuale presenza di reflussi venosi patologici

Di norma l’esame viene eseguito prima in clinostatismo (posizione supina) e poi in ortostatismo (in piedi)

Sulla base dei reperti ottenuti all’ECD, possiamo avere informazioni sulla presenza o meno del varicocele, della sua entità e sull’eventuale sofferenza (volume ridotto) del testicolo che ha comportato.

La classificazione ecografica più utilizzata per il varicocele è quella di Sarteschi, che prevede 5 gradi (1-5)